Editoriale Novembre 2020: Questioni concrete

Editoriale Novembre 2020

Questioni concrete

Il cemento vive – cosi mi diceva l’Ingegner Pavarani a scuola. Lo aveva già espressamente teorizzato Le Corbusier e, negli anni a seguire, Smithson&Gill lo nobilitarono, il cemento ha possibilità espressive.

Nobili quanto il marmo e gli altri materiali da costruzione.

Béton brut, grezzo ed economico, e cosi nacque il brutalismo.

L’Europa ne è piena di esempi, da Berlino a Roma. 

Passata la buriana dei fotografi d’architettura degli anni 70-80 sembrava dimenticato, che a nessuno interessasse più, invece no.

L’hastag brutalism dilaga. Il desiderio di rappresentazione, probabilmente partito dalla Città Ideale di Piero della Francesca, non si è mai sopito del tutto.

Fotografare l’architettura è un bisogno di tutti i cronisti e studiosi degli agglomerarti urbani, e cercare di fare le bucce ai vari stili probabilmente è diventato necessario per sfrondare l’intricata giungla di laterizi che funestano le nostre aree urbane.

L’impresa tassonomica di Basilico non rimarrà vana, i Becher avranno già dato un party nell’alto dei cieli con Van der Rohe, mentre Alvar Aalto, addetto al bbq, se la starà ridendo, ca va sans dire.

L’evidenza è che l’architettura la possono fare tutti (qualcuno lo crede almeno) perché un edificio è staticamente lì, mica scappa, e con un buon software e una macchina fotografica si può completare il resto.

C’è però un aspetto filosofico nel raccontare l’architettura attraverso la fotografia che non riguarda la mera rappresentazione strutturale o stilistica di un luogo, di un agglomerato o un’urbe antica.

Non sono solo inerti, non sono solo travertino o calcestruzzo ma c’è la rappresentazione della vita e dell’uomo. Ne aveva ben donde l’Ing. Pavarani a dire che il cemento vive, non di una sua vera vita autonoma ma del riflesso della civiltà che lo ha assemblato.

Enzo Pertusio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.